Il Sistema Renina-Angiotensina-Aldosterone


IL SISTEMA RENINA-ANGIOTENSINA-ALDOSTERONE

 

ANGIOTENSINA ED ANGIOTENSINOGENO

L’angiotensina II è considerato uno dei più importanti agenti di controllo dell’omeostasi cardiovascolare. E’ un potente vasocostrittore nonché promotore del rilascio dell’aldosterone; la sua sintesi avviene a partire dall’angiotensinogeno.

 

L’angiotensinogeno è una alfa2 globulina sintetizzata prevalentemente nel fegato, ma anche in certe aree cerebrali, nel rene, nel cuore e nei vasi. La concentrazione di angiotensinogeno in circolo influenza fortemente la produzione e quindi la potenziale disponibilità di angiotensina.

 

RENINA

La renina è una glicoproteina deputata alla conversione dell’angiotensinogeno in angiotensina I (Ang I). Viene sintetizzata come prorenina nelle cellule juxta-glomerulari, e depositata sulle pareti delle arteriole afferenti del glomerulo.

 

La produzione di renina, necessaria al fine di portare un aumento della pressione arteriosa, è controllata da diversi meccanismi:

  • Barocettori: un abbassamento della pressione favorisce la liberazione di renina; al contrario, un innalzamento di pressione inibisce la sua liberazione.
  • Riduzione della concentrazione di sodio nel tubulo distale: se le cellule della macula densa captano variazioni della concentraziona di sodio, attraverso la liberazione di prostaglandine (segnale positivo) o adenosina (segnale negativo) regoleranno la produzione di renina. Scarsa flusso di sodio stimolerà il rilascio di renina.
  • I recettori beta1 presenti nel rene, in particolare sulle cellule iuxta-glomerulari, stimolano direttamente la produzione di renina.
  • I recettori alfa adrenergici inibiscono il rilascio di renina.
  • Meccanismo di feedback a breve termine (o short-term, dato dalla stimolazione dei recettori AT1 sulle cellule iuxtaglomerulari);
  • meccanismo di feedback a lungo termine (o long-term, dato dall’aumento di pressione dovuto all’angiotensina II).

 

 

ACE: ANGIOTENSIN CONVERTING ENZYME

L’angiotensin converting enzyme (ACE), noto anche come Kinasi II, è l’enzima deputato alla conversione di angiotensina I in angiotensina II, nonché al metabolismo di bradichinina e sostanza P. E’ diffuso nel plasma ma lo ritroviamo anche nel cervello e nell’endotelio vasale e polmonare.

 

Delle proteasi portano infine alla formazione di Ang III, Ang IV, Ang 1-7, ciascuna con funzioni differenti.

 

  • L’Ang I è quasi inattiva;
  • L’Ang III ha potenza simile all’Ang II nel liberare aldosterone, ma l’azione vasocostrittrice e stimolatoria del surrene è più debole;
  • L’Ang 1-7 ha funzione natriuretica e vasodilatatrice; contrasta gli effetti dell’angiotensina II.

 

L’angiotensina II controlla l’omeostasi pressoria e volemica mediante diversi effetti:

  • effetto vasocostrittore diretto, con conseguente aumento delle resistenze periferiche;
  • aumentata liberazione di catecolamine tramite recettori presinaptici;
  • aumentata liberazione di endoteline;
  • stimolazione della sintesi di aldosterone;
  • riduzione diretta della natriuresi e della diuresi;
  • liberazione di vasopressina;
  • effetto inotropo positivo.

 

RECETTORI

  • AT1 (elevata affinità per il losartan): sono recettori accoppiati a proteine G, e mediano le principali attività dell’angiotensina II.
  • AT2: molto diffusi nel feto, mediano il rilascio di NO e vasodilatazione.
  • AT3: sono localizzati nei neuroni, dove aumentano la produzione di NO e liberazione di GMP cicliclo.
  • AT4: localizzati soprattutto nel cervello, cuore, rene e surrene, conducono all‘inibizione del riassorbimento renale di sodio, e causano vasodilatazione.